Non è un post sui cervelli in fuga

C’è un tipo di emigrazione italiana all’estero che non è ancora stata messa bene a fuoco. Anzi spesso se ne ha una percezione distorta.

La si vede o con le lenti del passato (come se chi se ne va fosse ormai perduto e fuori dall’orizzonte italiano) o con categorie idiote come “cervelli in fuga” (e fateci caso: l’espressione la usa di solito chi non si è mai mosso e avanza rivendicazioni corporative).

In ogni caso si ha una visione vecchia dell’essere fuori o dentro il paese. C’è oggi davvero un dentro e un fuori come in passato? C’è davvero un qui e un lì così marcato dalle frontiere e dallo spazio?

Dieci anni fa la distanza si calcolava in chilometri, oggi in ore. Da Milano a Berlino in aereo ci vogliono due ore scarse.  E costa come andare da Milano a Bologna in treno. Quindici anni fa le compagnie low cost non c’erano. Ad ogni viaggio bisognava cambiare moneta e riferimento. Alla frontiera il treno si fermava e ti chiedevano i documenti (a volte ti controllavano anche il bagaglio). Non potevi avere notizie in tempo reale dall’Italia. Non c’erano giornali on line, non c’era la tv online. Potevi solo comprarti il giornale, ma di due giorni prima e nel caso telefonare a casa (dalla cabina) al prezzo di una pizza. Fino a 10 anni fa non potevi neppure mandare un sms da un paese all’altro, tecnicamente.

Tutto questo rendeva il lavoro all’estero o un addio all’Italia (e dell’Italia a te), oppure un’esperienza temporanea da privilegiati assoluti. Oggi è una cosa possibile e normale.

Cognitivamente, il fenomeno è nuovo. Soprattutto nella percezione che si può avere del paese, perché chi oggi decide di spostarsi in altri paesi, lo può fare senza abbandonare l’Italia, e anzi maturando l’esperienza di una relazione nuova con il proprio paese.

Si può essere nel paese in ogni momento, anche essendone fuori. Si può vivere all’estero e sapere tutto, rimanere in contatto con tutti, partecipare alla vita collettiva, contribuire in molti modi. Si può continuare a guardare al paese. E del resto si può anche tornare. O pensare di tornare per un po’ e poi spostarsi di nuovo. Le scelte sono aperte e reversibili. Come se Londra o Parigi fossero altre città della stessa rete. Non è una cosa da ricchi, e psicologicamente assomiglia di più a uno strano pendolarismo. E moltissimi ragazzi ormai stanno all’estero per due o tre anni, per studio o per lavoro, poi rientrano.

Come si può allora mettere a frutto il fenomeno? È possibile? Al di là delle retoriche di “chi resta” di “chi va”, questo come modifica la percezione del paese, come cambia il paese stesso? Come possiamo disegnare a nostro vantaggio l’idea di un’Italia davvero aperta nello spazio europeo? È possibile organizzare in qualche modo questa presenza italiana all’estero o far convergere verso l’Italia, in forme da pensare, le conoscenze e il saper fare che questi italiani imparano dai vari paesi? Il fenomeno è nuovo e quindi è ancora da pensare e da capire. Ma potrebbe essere una risorsa per l’Italia dei prossimi tempi.

About these ads

2 pensieri su “Non è un post sui cervelli in fuga

  1. Pingback: Aggiornamento sugli italiani all’estero | GianlucaBriguglia I'm no Jack Kennedy

  2. Ciao! Io ho ricominciato a studiare a Parigi, dopo essermi laureato in Filosofia in Italia. Ho vissuto un anno anche a Dresda. Sono perfettamente d’accordo con il tuo post, la dimensione cognitiva del viaggiare è completamente mutata. Per chi come me ha più di trent’anni questo è palese.

    Più complessa è la questione su “come utilizzare” questo fenomeno. La mia chiave di lettura è totalmente qualitativa e non quantitativa, sono cioè solamente i miei amici italiani, soprattutto quelli che non si sono mai mossi da casa, città, paese.
    Ma ogni volta che torno, lo scollamento tra due percezioni del vivere è sottile ma pervasivo. Lo definirei, con un termine un po’ spregiativo, di provincialismo. La vera provincia “dell’anima”, intendo, quell’approccio del non desiderare di meglio, del non essere interessato a conoscere altri modi di fare le cose, di pensare o vedere le cose.

    Probabilmente è una forma di auto-protezione contro il dolore che da sognare senza esito…
    Ma questo porta questi ragazzi, tutti bravi e intelligenti, a vivere in un tempo lento, dove le piccole faglie relazionali hanno un peso enorme mentre i grandi eventi mondiali sono appena il rumore di fondo del Tg durante la cena.

    L’Italia si sta delineando come un territorio attraversato da molte frontiere, nel senso “antico” del termine, la frontiera che fa selezione, che separa il grano dal loglio. Alcune frontiere portano fuori dal paese, altre portano ad un impegno civico.
    Ma molti rimarranno “selezionati indietro”, senza stimoli nè opportunità sufficienti a mutare cornice, destinati a rimanere uguali a loro stessi. Purtroppo, il paese non si interessa a loro. Non ha bisogno della loro testa, ma solo del loro culo. E loro glielo porgono, senza troppo lagnarsi…non conoscono altri modi di “fare la cosa”.

    Forse è un effetto prospettico, ma sembra che più io cresco più loro rimpiccioliscano. E fa male…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...