Non siamo cattivi, è che ci disegnavano così

Sono a Milano da due giorni e per qualche giorno ancora. Dopo mesi posso bere un cappuccino degno di questo nome. E mi fanno tutti lo scontrino con grandi sorrisi e quasi con sguardi d’intesa. Stamattina il massimo: “Mi scusi eh, signore”. “Di che?”. “Non le ho fatto subito lo scontrino”. “Va beh, ma 30 secondi ci vogliono, non si preoccupi”. “Eh ma va fatto, va fatto”.