Un abbaglio

Questa polemica dell’associazione Gherush92 contro la Divina Commedia mi pare interessante se è una provocazione per parlare di quanto il razzismo non si spenga mai, ma nel merito ha toni e argomenti che sono davvero risibili. Nel chiedere la rimozione della Commedia dai programmi scolastici o di inserire i doverosi chiarimenti, l’associazione afferma:

“La continuazione di insegnamenti di questo genere rappresenta una violazione dei diritti umani e la evidenziazione della natura razzista e antisemita del nostro paese di cui il cristianesimo costituisce l’anima. Le persecuzioni antiebraiche sono la conseguenza dell’antisemitismo cristiano che ha il suo fondamento nei Vangeli e nelle opere che ad esso si ispirano, come la Divina Commedia. Deve essere messo in evidenza il legame culturale e tecnico-operativo con i vari tentativi di esclusione e di sterminio, fino alla Shoah. Certamente la Divina Commedia ha ispirato i Protocolli dei Savi Anziani di Sion, le leggi razziali e la soluzione finale”. L’affermazione è enorme, anche dal punto di vista ermeneutico, per così dire, e per questo difficilmente commentabile in un post, e di fatto propone paradossalmente l’ignoranza come rimedio al razzismo e all’antisemitismo. In una risposta alle critiche, l’associazione oggi aggiusta leggermente il tiro, non invocando più seccamente l’espunzione della Commedia dai programmi, ma ribadendo un punto, che è profondamente sbagliato, è cioè che Dante educhi i giovani al razzismo.

About these ads

2 pensieri su “Un abbaglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...