Me ne frego

Quando ascolto o leggo Beppe Grillo applico un mio particolare "principio di carità". Se un argomento è troppo semplicistico ai limiti dello scorretto, se un’affermazione è approssimativa tanto da essere ambigua, se un ragionamento manca dei passaggi essenziali per essere compreso pienamente, allora riempio io mentalmente quello che manca, correggo automaticamente la scorrettezza, ricostruisco i passaggi che non ci sono e attribuisco a Grillo quello che ne risulta. In questo modo salvo il salvabile e spesso sono d’accordo con lui. In fondo lui è su un palco, fa uno spettacolo di argomento "civile" e il contesto consente a lui di essere semplicistico e a chi lo ascolta di riempire i suoi argomenti a piacere. Però ieri sera alla trasmissinone di Ilaria d’Amico il principio di carità non era applicabile. Finchè Grillo ha parlato indisturbato è stato il solito Grillo, ma alla prima domanda che gli è stata rivolta ha deciso di abbandonare lo studio, dopo aver pronunciato dichiarazioni come "Io parlo di open source e voi non sapete neanche che cos’è" o usato l’espressione "social networking" come una formula indiscutibile da assumere come soluzione automatica di problemi vari. Certo farebbe piacere ascoltare argomentazioni e toni più "inclusivi". D’altra parte è evidente che Grillo non si sente a proprio agio con la critica a lui rivolta (qui lo avevamo già notato), ma questo in fondo non è molto importante, perchè nel suo lavoro di resistenza civile la sua funzione (utile) è proprio quella di criticare i poteri economici e politici. Tuttavia nel momento in cui Grillo si propone come soggetto politico, il suo linguaggio appare a prima vista estremamente povero e incredibilmente esposto alla critica altrui. In questo nuovo ruolo Grillo si fa portatore di un linguaggio che non si distingue molto da quello di altri politici di destra e di sinistra. La differenza è che quello di Grillo, così com’è, sembra al momento essere meno coerente perchè non poggia su un’identificabile linea politica e quindi oscilla tra tecnicismi legati all’ambientalismo, spezzoni di argomentazioni economiche e poi tutto l’armamentario della richiesta di legalità. Se questo è sufficiente per un’azione di critica, risulta invece inadeguato in questa nuova fase dell’azione politica di Grillo. A meno che non abbia deciso (ma questo secondo me spunterebbe molto il suo progetto politico) di rimanere ancorato ad un livello linguistico "movimentista" che gli consentirebbe di cavalcare ancora per un po’ l’onda della protesta. Si tratta di un livello del linguaggio e della comunicazione politica che peraltro in Italia ha una lunga storia ed è stato spesso portatore di istanze solo in modo apparentemente paradossale lontane da quelle di Grillo, è il livello del "Ce l’ho duro" e del "Me ne frego".

Aggiornamento: gli amici del blog de iMille mi chiedono di poter pubblicare (qui) il post "in differita". Grazie a loro.

Annunci

3 thoughts on “Me ne frego

  1. La semplicità è solo il linguaggio più idoneo per chi parla al popolo. Errato è essere superficiali e non entrare nel merito degli argomenti, non dare le risposte/soluzioni (critiche costruttive) è l’errore al quale i politici non devono cadere. Chiaro che il livello linguistico, sia di Grillo ( anche io ritengo utile la sua azione critica) che di coloro che urlavano “ce l’ho duro” e “me ne frego” è quello che ha più riscontro popolare perché la rabbia delle persone che vivono disagi quotidianamente è tale da renderli superficiali. Gli ultimi 20 anni, vissuti tra disinformazione, chiacchiere dove la crescita culturale personale era alimentata da spot pubblicitari e da programmi di dubbia e bassa cultura dove tutto era facilmente a portata di tutti, ha creato questa nuova era di falso benessere, con effetti devastanti per l’economia delle famiglie. Vi sono molti politici che hanno sfruttato questo momento solo per arrivare al potere ed i loro relativi provvedimenti governativi sono solo mirati al proprio personale benessere o di pochi. Il buon politico deve saper ascoltare e deve elaborare delle linee guida ed un’azione programmatica valida e mirata alla “pubblica felicità”, quindi un compito non facile che richiede impegno e responsabilità notevoli…soprattutto in questo nostro periodo. Cosetta

  2. hai letto male il post. non sono io che me ne frego (anzi mi interessa molto). “me ne frego” è uno slogan “movimentista” (che si usava un po’ di tempo fa) che mi pare abbia qualche punto di contatto linguistico con il modo di grillo di usare parole e concetti. tutto qui

  3. tutto ok, tranne il “Me ne frego”: un modo di sottrarsi alla critica. io non l’avrei fatto, la troverei “utile”. d’altronde il post non l’ho scritto io. né sono Beppe Grillo.
    cmq, ci dici che te ne freghi; perché allora ci hai scritto sopra un post (più di uno), così maledettamente lungo? eeehhhh…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...