I vostri (questa volta) appreser ben quell’arte

Dal punto di vista strettamente "comunicazionale" la sparata di Franceschini è una ripresa del modo di parlare alla "gente" di Berlusconi. Si esprime, in modo fin troppo icastico e diretto, una sensazione implicitamente percepita dal "popolo" e in questo modo la si fa passare dall’implicito all’esplicito, trasformandola in un pensiero, in un’idea che da quel momento vive di vita propria. A quel punto si può anche dichiarare di essere stati fraintesi, tanto ormai il nuovo pensiero fa parte degli oggetti reali dell’immaginario e circolerà nei discorsi degli elettori. Tecnicamente un successo. Ma dal linguaggio popolare a quello populista il passo è breve, molto più faticoso il passo inverso. E’ urgente che se ne cominci a parlare.

Annunci

7 thoughts on “I vostri (questa volta) appreser ben quell’arte

  1. in verita’ quella di Franceschini mi pare una citazione di un commento fatto in campagna elettorale non mi ricordo da chi ai danni Nixon. La frase era: “comprereste una macchina (usata) da uno cosi’?”
    Franceschini ha elaborato una versione per il popolo italiano.

  2. Credo che siamo tutti d’accordo nel considerare che uno degli indicatori – più significativi, cruciali – dello stato di malessere del nostro Paese sia l’abdicazione, da parte di chi è adulto, del proprio ruolo educativo.
    Durante una chiacchierata occasionale sui fatti di cronaca attuali, questa sera, mi ha tuttavia sfiorato il timore che anche stavolta ci si possa “confondere”. Se il giudizio nei confronti del Premier è, più o meno, unanime, ciononostante ho trovato insidioso un, più o meno, implicito slittamento nell’opinione sulla giovane.
    Si attribuiscono a una minorenne consapevolezza, libertà, possibilità di scelta.. valutazioni sacrosante ma che in qualche modo ci chiamano fuori dal discorso: “di chi è” infatti quella minorenne (17 anni)? Quali sono, esattamente, i pesi che assegniamo nel formulare il giudizio?
    Se in una situazione analoga, in condizioni “normali”, si potrebbe attivare “addirittura” un Servizio Sociale (in un’ottica di tutela), perché presumere come inutile l’eventualità di poter incidere sulle scelte di quella giovane? Perché non ce ne si sente cor-responsabili? È spiazzante l’adolescenza ma lo è anche la paura che ci fa. È, sembra essere, tra l’altro, la paura del contatto. E non è ironico.. è preoccupante il fatto che si sia diffusa l’abitudine mentale a pensare gli/le adolescenti come un corpo estraneo, all’occorrenza facile da espellere, e facile da “manovrare”. Ma il problema non è loro, intendo delle/degli adolescenti. E la paura del “contatto” è, diciamo così, socialmente generalizzata. Non sottovaluterei, d’altronde, la capacità di giudizio che i/le più giovani sono in grado di provare.
    Non so se sia di questo che “è urgente che si cominci a parlare” (né sono sicura di essere a riguardo stata chiara) ma di questo mi occupo per lavoro e la questione mi preme da tempo.
    Sara

  3. chiedo scusa:
    ho usato un italiano veramente squallido,
    eppure è da tempo che non seguo i telegiornali,
    com’è possibile corrompere così la lingua dei nostri padri senza neppure accorgersene?

    Ratatouille

  4. A difesa del presidente si schiera subito LIBERO, titolando “Giù le mani da papà”. e giù la solita enorme foto di famiglia. Ma ‘sta foto di famiglia con Pier Silvio, Marina, Barbara, Eleonora e il piccolo Luigi per quanto ancora dobbiamo sciropparcela? Fortuna che man mano scompaiono dei personaggi. La prima è Veronica, chi sarà il prossimo a mollare il colpo? Comunque il giornale non l’ho comprato io è del mio collega (povera me)

  5. La questione è forse che le idee dovrebbero si aver vita propria, ma dagli elettori dovrebbero arrivare alle bocche dei governanti. A quel punto sarei contento di sentire un linguagggio popolare in tv che si trasformasse in populismo. Ma non nell’accezione priva di significato che i media e i politicanti danno al termine.

  6. Vi dirò, ho sempre detestato il “linguaggio” di destra ma se anche ogni tanto facciamo una battuta per smuovere le acque dell’orrendo buonismo di sinistra…perchè no?
    Quello ne dice peste e corna di continuo

  7. Franceschini avrebbe potuto dire,
    per avere un effetto migliore:
    “lascereste che le vostre figlie e nipoti minorenni frequentassero così Berlusconi?”,

    purtroppo gli è venuta un po’ peggio.

    Ratatouille

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...