Il sonno della ragione genera asini di Buridano

Di paradossi ne esistono di tutti i tipi. Quello di Sancho Panza è una variante del paradosso logico del mentitore (se io dico "sto mentendo" e sto mentendo, allora non sto mentendo, se sto mentendo allora dico la verità, quindi non si può sapere se quel che dico è vero o falso). Sancho Panza invece parla di un re che ordina che chi attraversa un ponte mentendo sulle ragioni per cui lo vuole attraversare dev’essere impiccato. Arriva uno che dice di volerlo attraversare solo per essere impiccato. Se è vero che vuole essere impiccato, allora non dev’essere impiccato, ma se è falso allora dev’essere impiccato, ma se lo impiccano allora è vero che lo voleva. Poi esistono paradossi di tipo diverso, non così stringenti dal punto di vista logico, ma altrettanto suggestivi. Dante nel Paradiso fa dire a Bernardo di Chiaravalle, a proposito della Madonna, "Vergine madre, figlia del tuo figlio", immagine spettacolare che in due parole comprende il mistero dell’Incarnazione. Meno ambiziosamente Rino Gaetano diceva invece che suo fratello era figlio unico. Esempi ce ne sono tanti. Ora se ne aggiunge uno nuovo (che ho visto qui). C’è un simpatizzante della Lega che non sa se prendere il bonus bebè, e dice di trovarsi "diviso al 50%" (come l’asino di Buridano), perchè la madre di suo figlio (cioè sua moglie) è ucraina e non ha ancora la cittadinanza italiana. Quindi il figlio (il figlio di lui e di lei, non di lei e un altro), che è nato a Tradate e ha due anni, è italiano o no? e’ giusto che tolga il bonus agli italiani al 100%? Secondo la moglie, il figlio è italiano, secondo lui forse no. C’è da chiedersi se all’asilo avrà diritto alla mensa e se quando comincerà a lavorare ruberà il posto agli italiani, però qualcosa di positivo ci sarà pure: se per caso voterà la Lega di Tradate, sarà la prova provata che il partito non è razzista, perchè piace anche agli stranieri.

Annunci

2 thoughts on “Il sonno della ragione genera asini di Buridano

  1. Quel paradosso di Sancho Pansa è una variante di un problema discusso da Paolo Veneto nella "logica parva" (Paulus Venetus (ed. Alan R. Perreiah): Logica parva: First critical Edition from the Manuscripts with Introduction and Commentary, Leiden [Brill] 2002, p. 148) :"Eodem modo respondetur ad casum positum quando ponitur quod omne dicens verum pertransibit pontem, et solum tale, et Sortes qui sit omnes Sortes dicat istam propositionem et nullam aliam "Sortes non pertransibit pontem" significantem praecise sicut termini praetendunt, non admittitur casus. Si tamen removeatur dictio exclusiva, admittatur, et dicatur consequenter quod Sortes non pertransibit pontem et quod A est falsum."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...