Grande centro

Ho sempre una certa difficoltà a capire cosa sia il "centro", dal punto di vista politico, in un paese indiscutibilmente laico (e dal sistema in fondo bipolare) come la Francia. Alle ultime elezioni presidenziali un ottimo risultato era stato colto da  François Bayrou, che si era messo in vista anche alle elezioni precedenti, quelle che avevano segnato l'incredibile sconfitta di Jospin e il passaggio al secondo turno del sulfureo Le Pen. Ora la stella di Bayrou sembra essersi appannata e una serie di personaggi che si definiscono di centro cercano di occupare un qualche spazio. Tra i più improbabili, non me ne voglia, almeno a giudicare dalla sua apparizione televisiva di un paio di giorni fa, c'è Hervé Morin, che si muove in un modo davvero impacciato tra interviste, trovate di comunicazione un po' approssimative, una certa visibilità che sembra un boomerang in assenza di una vera strategia politica e di argomenti. La sua pagina wikipedia in italiano è qui (e ovviamente non è aggiornata). E' stato ministro della difesa per 4 anni, fino al novembre scorso, quando è stato silurato dal riposizionamento voluto da Sarkozy. Da allora, dopo aver seguito per anni la deriva a destra del governo, è diventato un paladino del centro. Intervistato sabato sera in una delle trasmissioni più seguite (una sorta di talk show brillante, ma non di approfondimento) si è presentato con calzini corti e camicia leggermente fuori dalla cintura ed è stato subito attaccato dagli "ospiti fissi", tra cui un esperto di politica, un umorista e un presentatore brillante, sul tema della comunicazione. Morin va fiero del video di auguri che ho postato qui sotto (visto a oggi da 249 persone), girato nella sua cucina. "La cucina è il mio posto preferito, mi piace cucinare". "Pensate che un signore che mi ha incrociato per strada, quando mi ha visto mi ha detto 'abbiamo la stessa cucina!'. Il presentatore: "Ah, ma allora l'avrà scelta con cura la cucina". "No, era già lì, vivo in affitto, la cucina era ammobiliata". Ma il massimo è stato raggiunto sul tema della candidatura alle presidenziali.  "Allora si candida?". "Il problema non è la mia candidatura. L'importante è il centro". "Preferisce candidarsi lei o ha in mente altri candidati del centro?". "Sono disponibile a aiutare altri a candidarsi, purchè ci siano i valori del centro". "E Bayrou?". "Bayrou deve decidere se stare bene al centro". "Avrebbe un programma presidenziale?". "Sono i valori del centro, non la mia candidatura". Insomma sembrava che ce l'avesse fatta a tenere il segreto, e invece: "Perché Sarkozy l'ha silurata?". "Perchè sapeva che mi voglio candidare alle presidenziali!". Silenzio, risata del presentatore, nanosecondo di imbarazzo: "allora si candida!".

 

Annunci

2 thoughts on “Grande centro

  1. Pingback: Ritorno al futuro | GianlucaBriguglia I'm no Jack Kennedy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...