Questa volta sono più forti loro

“Questa volta sulla carta sono più forti loro, però vediamo che succede…”: è una delle frasi tipiche, da parte italiana, della lunga serie di sfide calcistiche contro la Germania (e abbiamo sempre vinto noi). Ogni generazione di tifosi italiani ha un ricordo esaltante di una qualche Italia-Germania, che sia il 1970 (la prima volta dopo la guerra che gli italiani risbandierarono il tricolore), che sia il 1982 (da dodicenne dell’82 posto qui sotto il gol di Tardelli), o il 2006.

Ma non c’è bisogno di scomodare metafore politiche, di sovrapporre la sfida calcistica alla situazione economica, di tentare di rimettere a posto i conti di una contrapposizione dell’Europa latina all’Europa nordico-germanica. Sì, certo, c’è anche un po’ di questo, ma il calcio e lo sport non sono mai metafora di altro, ma impresa in se stessi, perché sono un’esperienza primaria e fondamentale, a pari dignità con tutto il resto, perché sono fatti della stessa materia della politica, dell’economia, della voglia di confrontarsi e quindi della relazionalità e del conflitto produttivo, della creatività, che muovono ogni attività umana. Godiamoci tranquillamente questa partita. L’Italia ha già dato qualche soddisfazione in questo Europeo, lo spettacolo ci sarà e comunque vada possiamo già essere contenti. Poi vedremo: certo, questa volta sulla carta sono più forti loro…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...