Vi spiego Social Book

Siccome il “voto del pubblico” si affronta come “voto del pubblico”, segnalo il progetto Social Book di Giancarlo Briguglia (e avete capito bene: se io non sono Jack, lui non è Bob Kennedy. E ha un bel blog di “letteratura, comunicazione e città“).

Non solo è un bel progetto, ma è proprio molto bello il concorso “Che Fare. Premio per la cultura“. 500 progetti culturali sono stati analizzati da una commissione di esperti e ne sono stati selezionati 35, che però adesso passano attraverso il giudizio della rete (e quindi un po’ attraverso il caso, attraverso i network e considerazioni più ampie o più strette). I primi 5 passeranno a una commissione finale e il vincitore avrà a disposizione 100 mila euro per realizzare il progetto.

Sono tutti progetti molto interessanti e sono ovviamente in testa quelli più collettivi, con una rete iniziale a disposizione più ampia.

L’idea di Social Book (il progetto numero 27) è la creazione di un social network per il prestito libri, dove ognuno mette a disposizione di tutti gli altri utenti la biblioteca personale che possiede in casa. La scala di azione è quella del quartiere e dunque le biblioteche personali e internet contribuiscono ad una maggiore coesione urbana stimolando una cittadinanza attiva. E gli utenti si incontrano realmente per prestarsi i libri.

Dell’idea hanno parlato in questi giorni già in molti: con articoli molto belli Tropico del libro, Finzioni Magazine, Indivanados, e poi Scuola Holden su facebook, e su twitter The Incipit, Wikitalia, Daria Bignardi, Tommaso Labranca, Biblioteche Romagna, Comune di Napoli, Tita Milano, Food Republic e davvero tanti altri.

Qui c’è la presentazione del progetto (e da lì si può anche votare) e qui la pagina ufficiale del voto. Qui la pagina facebook del progetto. Siamo nella zona alta della classifica, ma un po’ indietro, anche se non tanto da non potere riagganciare i primi cinque. Se vi piace il progetto votatelo, scrivere I like non basta, bisogna anche proprio votarlo attraverso il link.

E non abbiate paura, se un giorno presterete i vostri libri personali ad altri lettori del quartiere non vi faranno le orecchie alle pagine!

Annunci

One thought on “Vi spiego Social Book

  1. Pingback: Stella Maris vi spiega come votare SocialBook | GianlucaBriguglia I'm no Jack Kennedy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...