Benigni, la costituzione e Bonifacio VIII

Sarà una deformazione professionale, ma ho sempre pensato che la prima frase dell’articolo 7 della Costituzione avrebbe potuto scriverla Bonifacio VIII: “Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani”. Benigni l’ha spiegato come se fosse un articolo che dà corpo alla laicità dello stato, ma a me (che non sono un costituzionalista) sembra proprio il contrario. Si è mai vista una carta costituzionale che in un articolo dichiara che la sovranità appartiene al popolo e che in un altro articolo riconosce l’esistenza di una sovranità altra? Mentre fonda la propria sovranità, la repubblica non può fare a meno di fondarne un’altra, indipendente dalla propria e coesistente ad essa. Si dirà però che stato e chiesa sono indipendenti e sovrani “ciascuno nel proprio ordine”. Che ordine? Spirituale e temporale? Ecco appunto, lo diceva proprio Bonifacio VIII: I poteri ordinati da Dio sono due, temporale e spirituale. Certo, si dirà, ma nella Costituzione si dice proprio che sono indipendenti, che sono sovrani, che non devono interferire. È vero, ma se quell’articolo non ci fosse, i due ordini sarebbero meno indipendenti e sovrani? No, lo sarebbero di più, perché evocando la loro indipendenza e sovranità la Costituzione ha in realtà dato sostanza a un problema che poteva non esserci, ha associato ai propri principi fondamentali l’esistenza sovrana di un ordine diverso e potenzialmente in conflitto. Benigni fa bene a dire che la Costituzione italiana è la più bella del mondo (e ha fatto uno spettacolo straordinario, va detto), ma certo non per la sua laicità. Bonifacio, da Anagni, ringrazia.

Annunci

2 thoughts on “Benigni, la costituzione e Bonifacio VIII

  1. Questa volta non sono d’accordo con te. Sarebbe come dire che tutto quanto si afferma nella Costituzione, (ad esempio la libertà di ricerca o altri diritti fondamentali) andrebbe inteso come una negazione. Se fosse come dici, poi, che bisogno ci sarebbe di una Legge Fondamentale? Le tue osservazioni non mi convincono stavolta. Mi chiedo però se con una perfetta argomentazione logica (la tua non fa una piega) si possa negare una verità (in questo caso la necessità di ribadire l’importanza della non ingerenza reciproca)…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...