Quello che ho capito io

I grillini non se la sentono di governare. Capiscono di non essere in grado. Chiedere al presidente della repubblica un mandato politico per un governo M5S senza indicare un nome (figuriamoci poi i ministri) è la classica proposta alla quale non si può dire di sì. La faccia è salva.

Quello che chiedono davvero è la presidenza di due commissioni parlamentari. Lo chiedono alla persona sbagliata, perché le commissioni parlamentari le fa il parlamento, altrimenti sarebbero commissioni presidenziali. Ma è evidente che Grillo non può parlare con Bersani & c., perché ha questa idea che parlare in parlamento sia solo un’inferenza etimologica, e allora parla al presidente perché Bersani intenda. Se lo stile politico di Grillo è questo allora è un misto di giacobinismo e ipocrisia, ma non importa. Il punto è che se Bersani si chiama fuori e ha la generosità e la creatività di trovare un nome terzo, secondo me il governo si fa, con i grillini che fanno finta di non esserci. (Altra cosa è che ci convenga davvero avere un governo nato logorato).

Annunci

One thought on “Quello che ho capito io

  1. Pingback: L’affaire Renzi | Sutasinanta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...