Lo spot elettorale di Casa Pound

La politica italiana, a mio avviso, è generalmente povera di azioni simboliche e di cura particolare per ciò che è visivo o fittivo, per il non detto evocativo (e putroppo anche per il detto, perché si temono gli effetti retorici scoperti: basterebbe però mettere a fuoco il problema e attrezzarsi), almeno se paragonata ad altri paesi.

Certo pesa la natura stessa delle nostre istituzioni, che non favorisce l’assunzione di responsabilità e ne consente sempre la dilazione e il rinvio, con tutta una serie di conseguenze nella comunicazione che non sono però ciò che mi interessa adesso qui.

Anche per questo mi ha molto incuriosito – e devo dire sbigottito, al di là di considerazioni politiche – uno spot elettorale, quello di Casa Pound, che è invece costruito come un dispositivo simbolico che forma e svela un immaginario a dir poco lugubre, per quanto significativo.

Nella prima parte il leader di Casa Pound passa attraverso il buio denunciando i limiti di tutti gli avversari politici (da Boldrini a Berlusconi, e tutti gli altri) che sono raffigurati con dei cartonati che in qualche modo “mummificano” la scena. L’unico essere umano vivente è il leader di Casa Pound, che per indicare le politiche degli altri utilizza una serie di parole interessanti: follia, sciagura, distruzione e annientamento di tradizioni e futuro, gabbia, Unione Europea meccanismo per distruggere l’economia italiana, traditori.

Il passaggio necessario attraverso il buio, attraverso le tenebre, fa parte di molte storie e ha spesso un valore di rigenerazione e di legittimazione. Basterebbe pensare alla cerimonia con cui Mitterrand volle iniziare la sua prima presidenza. Si trattava di un’entrata, anche questa solitaria,  nella penombra (ma con la folla luminosa dei francesi alle spalle che attendono), nel Panthéon di Parigi per rendere omaggio a Jean Moulin, uno degli eroi della resistenza. Non era solo un omaggio alla resistenza; si trattava simbolicamente di molto di più: un passaggio del nuovo presidente nel regno dei morti, che rendono viva e autorevole la sua funzione presidenziale, e di un ritorno tra i vivi, perché anche l’uscita dal Panthéon gioca un ruolo fondamentale, tra le responsabilità rinnovate delle nuove generazioni.

Quello che mi colpisce nello spot di Casa Pound è che questa oscurità iniziale non conduce alla luce, al mondo dei vivi, ma a un enorme cimitero, letteralmente una montagna di morti, dove si svolge la seconda parte dello spot.

Certo, si tratta di un cimitero particolare, cioè del sacrario militare di Redipuglia (che tutti dovrebbero visitare una volta con emozione e rispetto), ma l’effetto visivo è francamente scioccante, per il semplice motivo che non è un punto di partenza, ma è l’esito del messaggio simbolico. Non è una legittimazione da parte di coloro che sono morti per la patria (e a causa della patria), ma è il punto finale di tutto il discorso, come in una distorsione dello schema morte-rigenerazione.

Il leader di Casa Pound, Di Stefano, sale il monte tenendo sempre in vista le tre croci che lo sormontano, in un clima percettivo purgatoriale (potrebbe essere l’alba o forse è il tramonto, non si capisce, forse per evitare l’effetto “sol dell’avvenire” che non sembra essere coerente col tutto) e con una musica in sottofondo che non è abbastanza epica per non risultare un po’ triste e inquietante.

Il riferimento visivo costante alle tre croci fa inoltre perdere completamente l’idea (che forse era quella voluta, ma in questo caso sarebbe un lapsus notevole) dell’identità cristiana degli italiani, per svelare tutto un altro immaginario: in realtà Di Stefano sta visivamente salendo il Golgota.

Tutto il discorso simbolico, che parte dalle tenebre e dal buio, cioè dalla morte, torna alla morte, amplificata dalle centinaia di migliaia di morti su cui quel Golgota che nell’ultima scena dello spot vediamo davvero in tutta la sua dimensione.

Ma lo spot finisce lì, in una sorta di luttuoso venerdi santo laico. Una resurrezione possibile non è per nulla evocata, non c’è rigenerazione, i morti sono rimasti morti, non hanno parlato ai vivi, non esiste un nuovo punto di partenza, il futuro si ferma in un enorme e spaventoso, per quanto sacro, cimitero.

Annunci

Invece studiare

Esistono alcune naturali forme di invidia tra generazioni (o istinto a mettere sotto tutela), che si esprimono soprattutto in determinati momenti. Una di queste si manifesta in modo evidente quando una generazione più vecchia invita la generazione più giovane a non studiare, a lasciar perdere i libri, cercando di convincerla che sia tempo perso e che non serva a nulla.

Rivolgersi poi ai genitori, invece che ai ragazzi, come nella lettera aperta della confindustria di Cuneo, aggiunge addirittura un elemento arcaico alla comunicazione – al di là delle intenzioni, che possono anche essere state molto buone e non le giudico -, un che di ottocentesco, di libro Cuore, di tutela (che però funziona, perché sono poi i genitori, della stessa generazione di chi ha scritto la lettera, a contribuire alla decisione finale dei figli) e certamente c’è anche un po’ classismo, perché non credo proprio che i figli dell’avvocato di Cuneo andranno a fare gli operai, neanche volendolo.

Io mi rivolgerei invece ai ragazzi e alle ragazze invitandoli a prendere decisioni coraggiose e responsabili.

Li inviterei certo a pensare al lavoro, al proprio lavoro, ammesso che per ciascuno di loro il tempo di una decisione di questo tipo sia già arrivato.

Però li inviterei anche a studiare, sapendo che il tempo dello studio non è solo preparazione al lavoro, ma è l’occasione unica di misurarsi con cose difficili, con cose “inutili”, ma belle, con cose che cambiano il modo di vedere il mondo. Vi ricapiterà uno spazio dedicato a questo, un tempo pensato soprattutto per questo?

Li inviterei a riflettere sul fatto che la realtà è un’idea che si negozia, non è un peccato che si sconta, e non può essere un perimetro imposto da altri e accettato senza repliche. Tutta la vita negozierete la vostra realtà con qualcuno o con qualcosa. Volete andare al negoziato a mani vuote?

Forse li spingerei a considerare quanto sia sbagliata quella frase – molto giusta – di Gramsci: “Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza”. Noi avremo sicuramente bisogno della vostra intelligenza, e ne abbiamo già bisogno, ma la vostra intelligenza è vostra. E dei figli che avrete.

Li inviterei a ragionare sul fatto che se anche non fosse vero – e non lo è – che nella vita basta volere, basta prepararsi, basta fare tutto bene per realizzare i propri desideri, è però anche vero, come diceva il poeta, che alcuni nella vita hanno un grande sogno e non riescono a realizzarlo, e altri non hanno nessun sogno e non riescono a realizzare neanche quello.

Li inviterei anche a pensare che, forse, chi oggi scrive che c’è bisogno di migliaia di operai – e ha ragione ed è vero -, domani potrà scrivere che non c’è più bisogno di loro, e non potrete aspettare quel momento per assumervi le vostre responsabilità.

Fate gli operai specializzati – mestiere che in tanti settori dà molte soddisfazioni -, se è la vostra strada, oppure tentate di fare i commercianti, i fioristi, i medici, gli ingegneri, i manager, gli storici dell’arte o gli artisti.

Date retta ai vostri genitori, ma non consentite loro di farvi perdere tempo con scelte che sembrano razionali, ma non necessariamente lo sono. Date meno retta a chi vi propone dei dati, anche corretti, ma disinteressandosi di tutto quello che avete davanti e sta a voi intraprendere. Usate quei dati, e cercatene anche altri, ma partite da voi.

Pensateci bene, con coraggio e responsabilità, perché coraggio e responsabilità sono ciò di cui abbiamo veramente bisogno.

 

 

 

 

Buon Natale a chi ha la crisi di mezza età

“Questa cosa di cui parli ha un nome, si chiama crisi di mezza età”: me l’ha detto, come se niente fosse, un amico qualche giorno fa.

Sono scettico, però nel dubbio continuo la tradizione degli auguri sul blog augurando buon Natale e buone feste a tutti quelli che hanno (forse) una crisi di mezza età.

Buone feste in particolare a quelli che non si ricordano più perché vent’anni fa hanno cominciato a fare quello che fanno e a quelli che se lo ricordano, ma non è per nulla come avevano immaginato.

Buon Natale a quelli che a 45 anni si sono dati al ciclismo e hanno comprato la tutina fosforescente, le scarpe con l’incastro per il pedale e la domenica vanno non so dove (per favore smettetela) e a quelli che hanno cominciato a fare la maratona (pensateci: se la natura avesse voluto fare di voi Gianni Morandi avreste venduto un milione di dischi a 13 anni).

Buone feste e buon Natale a quelli che quando vedono il cantante degli Spandau Ballet in una qualche trasmissione revival, con quella faccia da salumiere che si ritrova adesso, prima godono un momento e poi subito pensano “cazzo, chissà che faccia c’ho io per chi non mi vede da trent’anni”.

E buon Natale a chi subito dopo aver visto il cantante degli Spandau pensa a come dev’essere invecchiata la biondina degli Eight wonder e anche Tracy Spencer (non lo so, magari no, ma non è il punto) e si rende conto che sta facendo esattamente lo stesso giro mentale che facevano quelli che guardavano i revival con Nilla Pizzi quando lui era ragazzino (e loro non proprio).

Buon Natale a quelli che quando guardano Modern Family si identificano con Jay anche se hanno l’età di Phil.

Buone feste a quelli che hanno sbagliato lavoro, l’hanno capito adesso, però almeno hanno fatto i soldi (e mo’ che ci fate, coi soldi?).

Buon Natale a quelli che 30 anni fa avevano il complesso della magrezza e temevano che non li avrebbero presi a fare il militare e che adesso hanno 20 chili in più e maledicono quest’assurda moda delle camicie slim fit e queste giacchette da gorilla che tocca mettere.

Buon Natale a chi per un attimo ha pensato: ma chissà se la spazzola di Bettega funzionava davvero, perché magari…

Buone feste a quelli che si chiedono “ma mio papà la crisi di mezz’età quand’è che l’aveva avuta?” (vi anticipo la risposta: proprio all’età che avete voi adesso, anzi forse un po’ prima).

Buon Natale a quelli che se i 30 sono i nuovi 20 e i 40 sono i nuovi 30, allora i 50 sono i nuovi 40 (suggerisco solo questo: se ci credete e vi fa star meglio va bene, ma non ditelo troppo in giro).

Insomma rimango scettico, ma faccio gli auguri a tutti soprattutto perché, se anche non siamo Napoleone e non rimarremo nei libri di storia, il Natale è la festa della nascita, anzi della rinascita, del ricominciare da capo, che non vuol dire da zero (quindi evitate colori vivaci e non mettetevi in competizione con vostro figlio), ma significa riprendere l’inizio di quel filo che ci porta chissà dove, è la festa che ci tiene in contatto con un inizio permanente (tutte le feste dicono questo, quindi festeggiamo, ogni tanto). In fondo, a ben guardare, non esistono mezze età.

Philo-Fiction

Il gruppo di ricerca COMETH (Conceptions on Medieval Thought) di Eucor, il campus europeo che federa Strasburgo, Friburgo e Basilea, e Frias (Freiburg Institute for Advanced Studies), e in particolare Nadja Germann e Catherine König-Pralong, ha organizzato un convegno sugli strumenti fittivi del discorso filosofico (Friburgo 30 Novembre-2 Dicembre).

Qui la descrizione e il programma.